Laurea in Finanza, assicurazioni e impresa

Scheda del corso

Tipo di laurea Laurea
Anno Accademico 2016/2017
Ordinamento D.M. 270
Codice 8872
Classe di corso L-41 - STATISTICA
Anni Attivi I e II
Modalità di erogazione della didattica Convenzionale
Tipo di accesso Corso a libero accesso con verifica delle conoscenze
Sede didattica Rimini
Coordinatore del corso Carlo Trivisano
Docenti Elenco dei docenti
Lingua Italiano

Requisiti di accesso e verifica delle conoscenze/preparazione


Requisiti di accesso
Per essere ammessi al Corso di Laurea è necessario il possesso di Diploma di scuola media superiore di durata quinquennale o altro titolo di studio conseguito all'estero riconosciuto idoneo, oppure di Diploma di scuola media superiore di durata quadriennale e del relativo anno integrativo o, ove non più attivo, del debito formativo assegnato.

Conoscenze richieste
E' necessario altresì il possesso delle seguenti conoscenze:
- Buona conoscenza della lingua italiana, scritta e parlata
- Conoscenza di base della lingua inglese (livello A2)
- Competenze logico-matematiche.

Verifica delle conoscenze
Tali conoscenze sono verificate attraverso un test che si svolgerà secondo modalità descritte sul sito del corso di laurea (e che potrà essere ripetuto anche in più occasioni).

Il Consiglio di Corso di Studio può considerare positivamente superata la verifica delle conoscenze e competenze nei casi di:
- rinuncia,
- decadenza,
- presentazione di istanza di opzione dai previgenti ordinamenti,
- possesso di un titolo accademico o di sostenimento di attività formative in università estere,
- passaggio da altro corso di studio dell'Alma Mater Studiorum - Università di Bologna,
- trasferimento da altro Ateneo.
La valutazione avviene sulla base dei seguenti criteri:
- coerenza tra il curriculum del candidato e le conoscenze richieste per l'accesso al Corso di Laurea.
In caso di accoglimento di domanda di trasferimento o passaggio oltre i termini ordinari, allo studente non esonerato dal superamento della prova sono attribuiti direttamente gli obblighi formativi aggiuntivi.

Obblighi formativi aggiuntivi
Qualora la verifica non sia positiva viene assegnato un obbligo formativo nell'area matematica consistente nella frequenza agli eventuali corsi di allineamento di matematica (le cui date saranno pubblicate sul sito del corso di laurea) o nello svolgimento di attività individuali definite dal Consiglio di Corso di Laurea.
L'obbligo formativo aggiuntivo assegnato si intende superato con il superamento dell'esame di Matematica.
Il mancato soddisfacimento dell'obbligo formativo entro la data deliberata dagli Organi Accademici e pubblicata sul Portale di Ateneo comportala ripetizione dell'iscrizione al medesimo anno.
Per l'accesso al corso di studio è previsto l'accertamento delle conoscenze e competenze nella lingua inglese di livello A2.
Possono essere esonerati gli studenti in possesso di corrispondente certificazione linguistica.
Per coloro che nella prova di ammissione al corso di studio dimostrino di possedere una competenza linguistica inferiore al livello A2 è attribuita una carenza linguistica iniziale.
Il superamento della carenza linguistica è previsto come propedeuticità degli esami successivi:
il conseguimento dell'idoneità B1 è propedeutico rispetto agli esami del III anno.

Obiettivi formativi specifici del corso e descrizione del percorso formativo

Il Corso di Laurea in Finanza, Assicurazioni e Impresa ha l’obiettivo di formare laureati in grado di operare nei mercati finanziari e assicurativi e nei servizi alle imprese e alle persone negli ambiti della finanza e delle assicurazioni.
Il laureato possiede gli strumenti per svolgere analisi quantitative su piani di investimento e misurare il livello di rischio nel fornire crediti a persone o a organizzazioni.
Le competenze metodologiche, tecniche e professionali dei laureati risultano dall'integrazione tra metodi statistici, economici, attuariali e finanziari; l'obiettivo è quello di formare operatori dei mercati finanziari e assicurativi con le competenze quantitative necessarie per l'analisi dei mercati finanziari, la costruzione e la gestione di prodotti assicurativi e la definizione di strategie di investimento e di gestione del rischio.
Il percorso di studio proposto unisce attività formative di approfondimento teorico di tipo matematico, statistico e probabilistico ad attività formative più professionalizzanti orientate allo studio della gestione dei rischi finanziari e assicurativi, alla figura dell’attuario junior e alla figura del tecnico statistico che opera in aziende di tipo finanziario e assicurativo. L’obiettivo di coniugare le conoscenze teoriche con quelle professionalizzanti è raggiunto anche grazie all’affiancamento alle attività formative più tradizionali di laboratori e attività specifiche di gruppo e alla possibilità di svolgere tirocini curriculari presso aziende.
Oltre che ad una formazione professionalizzante, il piano didattico è finalizzato alla costruzione del pacchetto di competenze richieste dalla Laurea Magistrale in Scienze Statistiche Finanziarie e Attuariali della sede di Rimini che costituisce il riferimento naturale per il proseguimento degli studi di un laureato in Finanza, Assicurazioni e Impesa.

Risultati di apprendimento attesi

CONOSCENZA E CAPACITÀ DI COMPRENSIONE:

AREA DI APPRENDIMENTO: MATEMATICO-INFORMATICA
Il laureato conosce:
- gli strumenti elementari dell'analisi matematica
- le conoscenze di base dell'algebra lineare e della teoria delle matrici
- i regimi finanziari e gli strumenti di base per la loro gestione tecnico - matematica
- la struttura di un elaboratore e comprende gli elementi fondamentali della programmazione.
Le conoscenze e capacità di comprensione elencate vengono apprese tramite la frequenza delle lezioni frontali e delle esercitazioni, affiancate da attività di tutorato, e lo studio personale guidato e autonomo.
Le prove d’esame, la redazione di rapporti di lavoro richiesti in alcune attività formative e la prova finale costituiscono le occasioni per la verifica di tali capacità.

AREA DI APPRENDIMENTO: STATISTICO-PROBABILISTICA
Il laureato conosce:
- gli strumenti di base del calcolo delle probabilità con particolare riferimento al loro ruolo ai fini dell'analisi statistica
- i temi di base della statistica descrittiva univariata e multivariata sotto il profilo metodologico e applicativo
- le basi dell'inferenza statistica e i fondamenti metodologici di alcune delle principali tecniche statistiche per l'analisi di dati
- gli strumenti di base per la pianificazione e il disegno di indagini statistiche da popolazioni finite
- i fondamenti metodologici di alcune delle principali tecniche statistiche per l'analisi di serie temporali
- i principali aspetti che caratterizzano l'osservazione, la rappresentazione e la misura statistica dei sistemi economici
- le competenze e gli strumenti statistici, sia per l'analisi delle aree funzionali interne all'azienda sia del mercato in cui essa opera.

Le conoscenze e capacità di comprensione elencate vengono apprese tramite la frequenza delle lezioni frontali e delle esercitazioni, affiancate da attività di tutorato, e lo studio personale guidato e autonomo.
Le prove d’esame, la redazione di rapporti di lavoro richiesti in alcune attività formative e la prova finale costituiscono le occasioni per la verifica di tali capacità.

AREA DI APPRENDIMENTO: ECONOMICO-FINANZIARIA
Il laureato conosce:
- i fondamenti teorici necessari per interpretare i comportamenti e le interazioni tra consumatori, imprese e settore pubblico nelle economie di mercato
- il sistema aziendale nell’ambito del sistema economico e sul ruolo in essi dei particolari attori rappresentati dalle aziende bancarie ed assicurative
- le diverse componenti del sistema aziendale e le modalità di rappresentazione e valutazione attraverso i documenti aziendali degli aggregati aziendali maggiormente significativi
- la disciplina giuridica dei mercati finanziari, ed in particolare, dei mercati regolamentati nei quali vengono negoziati strumenti finanziari
- le linee principali di progettazione e realizzazione di un sondaggio d'opinione o di una ricerca di mercato.
Le conoscenze e capacità di comprensione elencate vengono apprese tramite la frequenza delle lezioni frontali e delle esercitazioni, affiancate da attività di tutorato, e lo studio personale guidato e autonomo.
Le prove d’esame, la redazione di rapporti di lavoro richiesti in alcune attività formative e la prova finale costituiscono le occasioni per la verifica di tali capacità.

AREA DI APPRENDIMENTO: STATISTICO-FINANZIARIA
Il laureato conosce:
- le tipologie di rischio dell'attività di intermediazione finanziaria
- gli strumenti di base per l'analisi statistica del rendimento sia di una attività finanziaria, sia di portafogli di attività finanziarie
- gli strumenti statistici maggiormente utilizzati nel settore della valutazione ex ante del rischio di credito
- gli strumenti econometrici di base per l'analisi quantitativa dei mercati finanziari.
Le conoscenze e capacità di comprensione elencate vengono apprese tramite la frequenza delle lezioni frontali e delle esercitazioni, affiancate da attività di tutorato, e lo studio personale guidato e autonomo.
Le prove d’esame, la redazione di rapporti di lavoro richiesti in alcune attività formative e la prova finale costituiscono le occasioni per la verifica di tali capacità.

AREA DI APPRENDIMENTO: STATISTICO-ATTUARIALE
Il laureato conosce:
- gli strumenti finanziari ed attuariali basilari per la gestione dei contratti assicurativi fondamentali nel ramo vita
- gli strumenti per comprendere ed applicare i principali metodi di demografia e analisi della sopravvivenza e di leggere ed analizzare correttamente dati di popolazione
- gli strumenti statistici maggiormente utilizzati nel settore della valutazione del rischio di credito.

Le conoscenze e capacità di comprensione elencate vengono apprese tramite la frequenza delle lezioni frontali e delle esercitazioni, affiancate da attività di tutorato, e lo studio personale guidato e autonomo.
Le prove d’esame, la redazione di rapporti di lavoro richiesti in alcune attività formative e la prova finale costituiscono le occasioni per la verifica di tali capacità.


CAPACITÀ DI APPLICARE CONOSCENZA E COMPRENSIONE:

AREA DI APPRENDIMENTO: MATEMATICO-INFORMATICA
Il laureato è in grado di:
- calcolare limiti, derivate e integrali di funzioni di una variabile reale
- operare con vettori e matrici
- gestire contratti che realizzano scambi monetari e mettere a punto strategie di ammortamento
- utilizzare i linguaggi di programmazione R e SQL.
Le capacità di applicare conoscenze e comprensione sono apprese tramite la frequenza a lezioni frontali ed esercitazioni, la discussione di casi di studio in gruppi di lavoro e lo studio personale guidato e autonomo.
La verifica del raggiungimento dei risultati di apprendimento avviene principalmente attraverso le prove d’esame, la redazione di rapporti di lavoro richiesti in alcune attività formative e la prova finale. Una ulteriore occasione di applicazione delle conoscenze acquisite è, per gli studenti che lo scelgono, il tirocinio in imprese e organizzazioni.

AREA DI APPRENDIMENTO: STATISTICO-PROBABILISTICA
Il laureato è in grado di:
- utilizzare le principali misure di sintesi univariate e misurare l’intensità delle relazioni tra caratteri
- calcolare la probabilità di eventi complessi, riconoscere le principali variabili aleatorie discrete e continue e calcolarne i principali momenti
- applicare test d’ipotesi in ambito parametrico
- stimare e interpretare il modello lineare multiplo
- utilizzare i metodi classici di riduzione delle dimensioni e affrontare il problema della classificazione
- utilizzare i più comuni schemi del campionamento da popolazioni finite e gli stimatori ad essi associati
- riconoscere e valutare le diverse strategie di formazione dei dati economici e misurare il cambiamento nel tempo degli aggregati economici.
- applicare le tecniche di analisi delle serie storiche per modellare e comprendere le dinamiche strutturali e congiunturali dei sistemi economici e finanziari
- analizzare il sistema produttivo sia attraverso misure sintetiche di produttività e localizzazione, sia attraverso modelli di analisi dei processi produttivi.
- approfondire la distribuzione del reddito e della ricchezza nelle popolazioni e misurarne la diseguaglianza
- analizzare le problematiche specifiche delle aree funzionali aziendali e utilizzare gli strumenti statistici più appropriati per definire strategie di soluzione
- analizzare criticamente dati provenienti da indagini reali.
Le capacità di applicare conoscenze e comprensione sono apprese tramite la frequenza a lezioni frontali ed esercitazioni, la discussione di casi di studio in gruppi di lavoro e lo studio personale guidato e autonomo.
La verifica del raggiungimento dei risultati di apprendimento avviene principalmente attraverso le prove d’esame, la redazione di rapporti di lavoro richiesti in alcune attività formative e la prova finale. Una ulteriore occasione di applicazione delle conoscenze acquisite è, per gli studenti che lo scelgono, il tirocinio in imprese e organizzazioni.

AREA DI APPRENDIMENTO: ECONOMICO-FINANZIARIA
Il laureato è in grado di:
- riflettere sulle principali teorie del consumo, della produzione e del funzionamento dei mercati.
- inquadrare l'azienda nel sistema economico-sociale ed i sottosistemi aziendali
- analizzare le operazioni, i circuiti gestionali, le principali funzioni aziendali ed i loro problemi
- leggere un bilancio di esercizio
- analizzare le problematiche inerenti la normativa che presiede alla regolamentazione della raccolta del risparmio e del suo impiego
- studiare i comportamenti d'acquisto e valutare i processi di segmentazione e posizionamento
- utilizzare la metodologia statistica nell'analisi dei comportamenti di acquisto e dei consumi.
Le capacità di applicare conoscenze e comprensione sono apprese tramite la frequenza a lezioni frontali ed esercitazioni, la discussione di casi di studio in gruppi di lavoro e lo studio personale guidato e autonomo.
La verifica del raggiungimento dei risultati di apprendimento avviene principalmente attraverso le prove d’esame, la redazione di rapporti di lavoro richiesti in alcune attività formative e la prova finale. Una ulteriore occasione di applicazione delle conoscenze acquisite è, per gli studenti che lo scelgono, il tirocinio in imprese e organizzazioni.

AREA DI APPRENDIMENTO: STATISTICO-FINANZIARIA
Il laureato è in grado di:
- analizzare i rendimenti di un’attività finanziaria
- affrontare e risolvere problemi di specificazione e controllo di ipotesi nei modelli lineari per i mercati finanziari
- utilizzare i modelli per dati contabili e finanziari più adeguati per individuare e misurare il rischio di credito
- stimare e interpretare modelli econometrici che spieghino l'evoluzione di prezzi, quantità e volatilità delle attività scambiate sui mercati finanziari.
- utilizzare le tecniche di costruzione di una misura del rischio di mercato
- impiegare le tecniche di gestione e copertura del rischio di mercato e di credito.
Le capacità di applicare conoscenze e comprensione sono apprese tramite la frequenza a lezioni frontali ed esercitazioni, la discussione di casi di studio in gruppi di lavoro e lo studio personale guidato e autonomo.
La verifica del raggiungimento dei risultati di apprendimento avviene principalmente attraverso le prove d’esame, la redazione di rapporti di lavoro richiesti in alcune attività formative e la prova finale. Una ulteriore occasione di applicazione delle conoscenze acquisite è, per gli studenti che lo scelgono, il tirocinio in imprese e organizzazioni.

AREA DI APPRENDIMENTO: STATISTICO-ATTUARIALE
Il laureato è in grado di:
- organizzare il calcolo del premio assicurativo (premio di tariffa) e analizzare la dinamica della riserva matematica in riferimento a contratti semplici e complessi
- costruire tavole di sopravvivenza su dati aggregati
- stimare curve di sopravvivenza su dati individuali con tecniche di tipo non parametrico
- valutare le conseguenze di modificazioni strutturali sulle dinamiche naturali della popolazione.
- utilizzare i principali modelli statistici di credit scoring.

Le capacità di applicare conoscenze e comprensione sono apprese tramite la frequenza a lezioni frontali ed esercitazioni, la discussione di casi di studio in gruppi di lavoro e lo studio personale guidato e autonomo.
La verifica del raggiungimento dei risultati di apprendimento avviene principalmente attraverso le prove d’esame, la redazione di rapporti di lavoro richiesti in alcune attività formative e la prova finale. Una ulteriore occasione di applicazione delle conoscenze acquisite è, per gli studenti che lo scelgono, il tirocinio in imprese e organizzazioni.


AUTONOMIA DI GIUDIZIO (MAKING JUDGEMENTS)

Il laureato:
- è in grado di raccogliere e selezionare dati e informazioni a supporto di analisi ed esprimere pareri sui contesti specifici
- sa utilizzare le fonti statistiche ufficiali nazionali e supernazionali
- è in grado di produrre indicatori sintetici a supporto delle decisioni strategiche in ambito finanziario e assicurativo.

Il laureato è stimolato all’acquisizione di autonomia di giudizio grazie alle modalità di apprendimento critico sviluppate nelle diverse attività formative. La verifica dell’acquisizione di queste capacità avviene tramite le prove di verifica dell’apprendimento delle singole attività formative e la prova finale.


ABILITÀ COMUNICATIVE (COMMUNICATION SKILLS)

Il laureato:
- è in grado di esporre contenuti, informazioni e idee relative al proprio campo di studi utilizzando adeguate forme comunicative a seconda degli interlocutori
- conosce ed ha piena padronanza del lessico tecnico-economico, finanziario ed attuariale
- sa comunicare in forma scritta e orale i risultati delle analisi condotte
- sa leggere e interpretare testi in lingua inglese e sa sostenere una conversazione almeno a livello di conoscenza B1. Potranno essere previste sia l'acquisizione delle quattro abilità linguistiche (lettura, scrittura, ascolto, e dialogo) sia la frequenza vincolata delle lezioni, secondo criteri che verranno specificati in itinere dal corso di studi, in coerenza alle prescrizioni degli Organi accademici. l'adeguamento alle politiche linguistiche di Ateneo.

Le prove d'esame, le modalità di somministrazione di attività formative specifiche anche a scelta dello studente (lingua inglese di liv. B1, laboratori, seminari, attività di tirocinio), e la prova finale costituiscono lo strumento per lo sviluppo e la verifica delle abilità comunicative.


CAPACITÀ DI APPRENDIMENTO (LEARNING SKILLS)

Il laureato:
- è in grado di applicare i metodi e gli strumenti di apprendimento sviluppati per aggiornare e approfondire i contenuti studiati, anche in contesti professionali, e per intraprendere studi successivi (lauree magistrali e master di I livello).
- è in grado di comprendere articoli scientifici pubblicati su riviste specializzate.

Le prove d’esame, la redazione di rapporti di lavoro in alcune attività formative (in particolare seminari, laboratori e tirocini) e la prova finale costituiscono le occasioni per la verifica di tali capacità.

Insegnamenti

Consulta gli insegnamenti all'interno del piano didattico Piano didattico: tutti gli insegnamenti del corso

Prova finale


La prova finale consiste in una relazione orale e scritta concordata con un docente di riferimento. Tale relazione può vertere anche sull'attività di tirocinio svolta precedentemente dallo studente.
La stesura della relazione e la sua presentazione sono volte a mettere in evidenza le capacità di studio e di applicazione delle conoscenze e delle competenze acquisite dallo studente, nonché la sua abilità nel comunicarle.

Accesso a ulteriori studi

Dà Accesso agli studi di secondo ciclo (laurea specialistica/magistrale) e master universitario di primo livello.

Sbocchi occupazionali

PROFILO PROFESSIONALE:
Consulente finanziario

FUNZIONE IN UN CONTESTO DI LAVORO:
Il consulente finanziario possiede le competenze per svolgere analisi quantitative per la valutazione economico finanziaria di singole società e dei relativi settori di attività, per la gestione della politica di controllo del rischio e per la valutazione di affidabilità di progetti di investimento e delle strategie di sviluppo finanziario.
Più in specifico il consulente finanziario
- analizza dati finanziari a fini previsivi
- gestisce portafogli di investimento finanziario
- elabora modelli per la valutazione del rischio.

COMPETENZE ASSOCIATE ALLA FUNZIONE:
Per lo svolgimento delle funzioni sopra descritte sono richieste specifiche conoscenze, capacità e abilità di tipo specialistico in ambito statistico- probabilistico, finanziario ed economico al fine di svolgere analisi quantitative su piani di investimento e misurare il livello di rischio nel fornire crediti a persone o a organizzazioni.
Nello specifico, la figura che si intende formare è in grado di:
-conoscere e gestire i flussi informativi che caratterizzano le aziende del settore finanziario
-eseguire analisi quantitative
-utilizzare le opportune metodologie per elaborare previsioni
-presentare anche pubblicamente i risultati delle analisi.

SBOCCHI OCCUPAZIONALI:
- Istituti finanziari
- Banche
- Area della gestione finanziaria di imprese non finanziarie.



PROFILO PROFESSIONALE:
Attuario junior

FUNZIONE IN UN CONTESTO DI LAVORO:
L'Attuario junior gestisce operativamente l'offerta di servizi assicurativi e previdenziali da parte di imprese assicuratrici, istituti di credito, società di gestione del risparmio e altre istituzioni operanti nel campo della finanza e della previdenza.
Più in specifico l’attuario junior:
- prevede l'andamento futuro di variabili demografiche ed economico-finanziarie
- analizza e gestisce dati assicurativi
- analizza e gestisce piani di ammortamento
- elabora modelli per la valutazione del rischio.

COMPETENZE ASSOCIATE ALLA FUNZIONE:
Per lo svolgimento delle funzioni sopra descritte sono richieste specifiche conoscenze, capacità e abilità di tipo specialistico in ambito matematico, statistico- probabilistico e attuariale.
La figura che si intende formare:
- possiede gli strumenti analitici per valutare fenomeni economici quantitativi caratterizzati da incertezza
- è in grado di valutare e comunicare le conseguenze economiche collegate ai rischi.

SBOCCHI OCCUPAZIONALI:
- Compagnie assicurative
- Istituti di previdenza
- Istituti finanziari
- Libera professione

L’attuario junior è una figura professionale esplicitamente prevista dall’Albo degli attuari (sezione B). In base al DPR n.328/2001 l’iscrizione all’Albo è subordinata al superamento di un apposito Esame di Stato.


PROFILO PROFESSIONALE:
Broker e Agente di assicurazione

FUNZIONE IN UN CONTESTO DI LAVORO:
Il profilo professionale che si intende formare è dotato di adeguata conoscenza di prodotti assicurativi ma anche finanziari ed è in grado di offrire la propria assistenza per la determinazione del contenuto dei contratti di polizza e per la loro gestione e di vendere e gestire polizze assicurative per conto di compagnie assicurative .
Più in dettaglio questa figura è in grado di:
- valutare il rischio e proporre la miglior copertura assicurativa specifica al caso analizzato
- gestire e sviluppare un portafoglio clienti.

COMPETENZE ASSOCIATE ALLA FUNZIONE:
Per lo svolgimento delle funzioni sopra descritte sono richieste specifiche conoscenze, capacità e abilità in ambito economico-aziendale e assicurativo.
Oltre a capacità di auto-apprendimento e di aggiornamento continuo, questa figura possiede adeguate competenze di tipo comunicativo-relazionale, fondamentali nella gestione del portafoglio clienti.

SBOCCHI OCCUPAZIONALI:
- Compagnie assicurative
- Istituti finanziari
- Libera professione.


PROFILO PROFESSIONALE:
Tecnico statistico in imprese finanziarie e assicurative

FUNZIONE IN UN CONTESTO DI LAVORO:
La padronanza dei principali metodi di analisi statistica unita alla conoscenza dei flussi informativi che caratterizzano le aziende del settore finanziario e assicurativo permette a questo profilo professionale di fornire supporto quantitativo per tutte le decisioni che devono essere prese in condizioni di incertezza.
In particolare questa figura è in grado di:
- collaborare con le diverse aree aziendali per la produzione di indicatori statistici
- gestire banche dati
- analizzare dati attraverso modelli statistici ed econometrici.

COMPETENZE ASSOCIATE ALLA FUNZIONE:
Per lo svolgimento delle funzioni sopra descritte sono richieste conoscenze e abilità in ambito statistico-informatico e finanziario attuariale.
Più in specifico la figura che si intende formare deve essere in grado di:
- sottoporre le informazioni a controlli logico-formali
- utilizzare software di analisi ed elaborazione statistica dei dati
- interpretare i risultati
- presentare pubblicamente i risultati delle analisi
- lavorare in gruppo con gli esperti delle diverse aree aziendali con cui si trova a collaborare.

SBOCCHI OCCUPAZIONALI:
- Imprese del settore assicurativo e finanziario
- Aziende di servizi



Parere delle parti sociali


ORGANO O SOGGETTO ACCADEMICO CHE EFFETTUA LA CONSULTAZIONE
Consultazione 2014: Direttore del Dipartimento di Scienze Statistiche; Coordinatore del Corso di Studio; Commissione AQ del Corso di Studio.
Consultazione 2013: Direttore del Dipartimento di Scienze Statistiche; Coordinatore del Corso di Studio; Commissione AQ del Corso di Studio.
Consultazione 2007: Preside della Facoltà di Scienze Statistiche.


ORGANIZZAZIONI CONSULTATE O DIRETTAMENTE O TRAMITE DOCUMENTI E STUDI DI SETTORE
Il 15 ottobre 2014 sono state incontrate le seguenti aziende e istituzioni per una consultazione sui progetti formativi per l’A.A. 2015/2016 dei Corsi di Studio afferenti al Dipartimento di Scienze Statistiche al fine verificare la congruenza dei fabbisogni formativi, delle funzioni e le competenze necessarie alle figure professionali formate e i possibili sbocchi occupazionali dei futuri laureati:
- Banca D’Italia (Direttore sede di Bologna)
- Istat (Responsabile sede per l’Emilia Romagna)
- Regione Emilia Romagna (Rappresentanti del settore servizio statistico)
- Regione Emilia Romagna (Responsabile Servizio Sistema Informativo Sanità e Politiche Sociali – servizio sanitario)
- Regione Emilia Romagna (Rappresentante Servizio politiche sociali)
- Comune di Bologna (Responsabile ufficio statistica)
- Unindustria (Responsabile dell'Area Economia d'Impresa)
- Prometeia (Rappresentante)
- UnipolSai (Dirigente Area Formazione)
- Comitato Emilia Romagna dell’ordine nazionale degli attuari (Segretario)
- Accenture (Head of Consulting Services)
- AUSL Bologna (Direttore U.O.C. Epidemiologia, Promozione della Salute e Comunicazione del Rischio)
- IRES (Rappresentante)

Nei mesi di ottobre-novembre 2013, in occasione di una prima revisione del progetto formativo del Corso di Studio e delle figure professionali formate, erano state consultate le seguenti aziende e istituzioni:
- Società Italiana di Statistica (Presidente);
- Banca Carim – Cassa di risparmio di Rimini (Responsabile Risk Management),
- Serint Group – Rimini (Amministratore Unico).

Il 16 ottobre 2007, in occasione dell’istituzione del Corso di Studio, erano state consultate dalla Facoltà di Scienze Statistiche le seguenti aziende e istituzioni:
- Società Italiana di statistica (SIS)
- Sistema Statistico Nazionale (SISTAN), Regione Emilia Romagna
- Comune di Bologna
- Azienda Unità Sanitaria Locale di Bologna
- Agenzia Sanitaria Regionale, Regione Emilia Romagna
- Agenzia Regionale Prevenzione e Ambiente, Regione Emilia Romagna
- Promotor, rappresentata dal Direttore
- Regione Emilia Romagna – Servizio statistico


MODALITA' E CADENZA DI STUDI E CONSULTAZIONI
Il lavoro di revisione del progetto formativo per l'A.A. 2015/16 dei Corsi di Studio afferenti al Dipartimento di Scienze Statistiche è stato condiviso con i rappresentanti del sistema economico e sociale in una riunione collegiale tenutasi il 15 ottobre 2014 presso la sede di Bologna del Dipartimento.
I progetti formativi illustrati sono stati ritenuti in generale adeguati.
Il Rappresentante del Comitato Emilia Romagna dell’ordine nazionale degli Attuari ha evidenziato l’interesse, dalla prospettiva attuariale, dei due Corsi di Studio della sede di Rimini (oltre alla laurea in Finanza Assicurazioni e Impresa, la laurea magistrale in Scienze Statistiche Finanziarie e Attuariali).
Si riportano le osservazioni maggiormente significative relative al Corso di Studio in Finanza Assicurazioni e Impresa:
- è auspicabile che venga dato spazio all’approfondimento di un’area economica e manageriale; il mondo del lavoro richiede il possesso di solide basi nella capacità di manipolare i dati e interpretarli alla luce della conoscenza del mondo delle imprese, il che richiede un’accelerazione sulle competenze economiche e aziendali (Banca d’Italia);
- si consiglia di rafforzare le competenze di interpretazione e lettura di un’analisi statistica (Accenture);
- qualche sforzo andrebbe indirizzato nell’approfondimento degli aspetti giuridici, poiché nel mondo assicurativo/bancario la pressione regolamentare è sempre più forte (Unipol-SAI);
- più interventi sottolineano l’importanza di una buona conoscenza della lingua inglese per far fronte alla richiesta di internazionalizzazione comunque presente in ogni settore del mondo del lavoro.
La Commissione di Assicurazione Qualità del Corso di Studio ha provveduto a integrare il progetto formativo anche alla luce delle indicazioni ricevute.
Al fine di incentivare l'interazione tra Università e mondo del lavoro, la consultazione è stata l'occasione per sondare la disponibilità dei soggetti consultati a partecipare a seminari rivolti a studenti e laureandi; diverse organizzazioni si sono dichiarate interessate e disponibili a svolgere a tali attività.

L’incontro ha consentito di aggiornare i risultati emersi durante la precedente consultazione, tenutasi nel 2013. Nel mese di ottobre 2013 fu predisposto e inviato alle 3 organizzazioni consultate un questionario restituito compilato nel mese di novembre 2013.
Il questionario era articolato in tre sezioni dedicate a figure professionali e risultati di apprendimento e placement attesi. Con riferimento agli aspetti considerati nel questionario era emerso un soddisfacente apprezzamento dell'impostazione della proposta formativa ed un giudizio positivo riguardo alla coerenza degli sbocchi professionali proposti.

La consultazione tenutasi nel 2007 fu organizzata con un incontro in presenza preceduto da un invio ai partecipanti degli schemi di progettazione dei Corsi di Studio attivati della Facoltà di Scienze Statistiche e un questionario volto a rilevare l'opinione delle parti consultate sui profili formativi dei Corsi di Studio attivati. I partecipanti ritennero pienamente coerenti le figure professionali proposte; sottolinearono l'elevata possibilità di impiego e la coerenza con la denominazione proposta al nuovo Corso di Studio.


DOCUMENTAZIONE
Consultazione 2014: il verbale della consultazione, il verbale dei risultati emersi dall’attività di consultazione ed il materiale utilizzato per presentazione dei progetti formativi sono conservati presso la Vicepresidenza di Rimini della Scuola di Economia, Management e Statistica.

Consultazione 2013: il questionario inviato alle parti consultate, il verbale dei risultati emersi dall’attività di consultazione e una lettera di sintesi dei risultati della consultazione inviata alle parti sono conservati presso la Vicepresidenza di Rimini della Scuola di Economia, Management e Statistica.

Consultazione 2007: il verbale della consultazione ed il materiale utilizzato per presentazione dei progetti formativi sono conservati presso la Vicepresidenza di Bologna della Scuola di Economia, Management e Statistica.