Laurea Magistrale in Management dell’economia sociale

Scheda del corso

Tipo di laurea Laurea Magistrale
Anno Accademico 2017/2018
Ordinamento D.M. 270
Codice 8843
Classe di corso LM-77 - SCIENZE ECONOMICO-AZIENDALI
Anni Attivi I° e II° anno.
Modalità di erogazione della didattica Convenzionale
Tipo di accesso Prova di verifica dell’adeguatezza della preparazione​
Sede didattica Forlì
Tipologia di corso Titolo multiplo
Atenei Convenzionati REIMS MANAGEMENT SCHOOL , ICN BUSINESS SCHOOL - NANCY , UNIVERSITAT DE VALENCIA
Coordinatore del corso Federica Bandini
Docenti Elenco dei docenti
Lingua Italiano

Requisiti di accesso e verifica delle conoscenze/preparazione

L'ammissione al corso di laurea magistrale è subordinata al possesso di requisiti curriculari predefiniti e al superamento di una verifica dell'adeguatezza della personale preparazione.

Requisiti curriculari
Per frequentare proficuamente il corso di Laurea Magistrale in Management dell'Economia Sociale è necessario avere acquisito:
- conoscenze delle discipline di area aziendale, economica, giuridica e matematico-statistica;
- conoscenza della lingua inglese (livello B2).

Per l'accesso al corso di laurea magistrale sono altresì richiesti i seguenti requisiti curriculari:
1. Avere conseguito la Laurea in una delle seguenti classi o possedere altro titolo di studio conseguito all'estero, riconosciuto idoneo:
• ex D.M. 270: laurea nelle classi L-18 Scienze dell'economia e della gestione aziendale, L-33
Scienze economiche;
• ex. D.M. 509/99: laurea nelle classi 17 Scienze dell'economia e della gestione aziendale, 28
Scienze economiche;
• Previgente ordinamento quadriennale: laurea conseguita in una Facoltà di Economia.
• Diploma universitario di durata triennale: conseguito in una Facoltà di Economia.
• Avere conseguito all'estero titolo di studio in discipline economico/aziendali riconosciuto idoneo e corrispondente ad una laurea di primo ciclo.

oppure

2. Avere acquisito almeno 40 CFU in almeno due degli ambiti disciplinari: aziendale, economico, giuridico e matematico/statistico (ambiti disciplinari ex D.M. 270/04): in uno o più dei seguenti settori scientifico-disciplinari:
AZIENDALE
AGR/01 Economia ed estimo rurale
SECS-P/07 Economia aziendale
SECS-P/08 Economia e gestione delle imprese
SECS-P/09 Finanza aziendale
SECS-P/10 Organizzazione aziendale
SECS-P/11 Economia degli intermediari finanziari
SECS-P/13 Scienze merceologiche
ECONOMICO
SECS-P/01 Economia politica
SECS-P/02 Politica economica
SECS-P/03 Scienza delle finanze
SECS-P/05 Econometria
SECS-P/06 Economia applicata
SECS-P/12 Storia economica
GIURIDICO
IUS/01 Diritto privato
IUS/04 Diritto commerciale
IUS/05 Diritto dell'economia
IUS/06 Diritto della navigazione
IUS/07 Diritto del lavoro
IUS/09 Istituzioni di diritto pubblico
IUS/12 Diritto tributario
IUS/13 Diritto internazionale
IUS/14 Diritto dell'unione europea
IUS/15 Diritto processuale civile
STATISTICO - MATEMATICO
MAT/09 Ricerca operativa
SECS-S/01 Statistica
SECS-S/03 Statistica economica
SECS-S/06 Metodi matematici dell'economia e delle scienze attuariali e finanziarie

3. In mancanza del possesso del titolo di laurea richiesto e/o dei crediti sopraindicati, l'ammissione al Corso di Laurea Magistrale è subordinata al conseguimento della laurea (in Italia o all'estero) con votazione pari o superiore a 100/110 (per il voto di laurea conseguito all'estero si considera il voto corrispondente indicato nella dichiarazione di valore del titolo o calcolabile attraverso tabelle di corrispondenza indicate dal Miur o dalle rappresentanze diplomatiche) e ad una valutazione preliminare di una Commissione che verifica il possesso delle conoscenze e competenze richieste, tramite colloquio e analisi del curriculum.
La Commissione, nominata dal Consiglio di Corso di studio, fisserà un calendario per lo svolgimento dei colloqui, che verrà pubblicato sul Portale della Scuola.
Qualora la Commissione ritenga sufficiente il livello delle conoscenze e competenze del laureato, esprime un giudizio di idoneità, che consente l'ammissione alla prova di verifica dell'adeguatezza della personale preparazione.

Accertamento delle conoscenze e competenze linguistiche
Per l'accesso al corso di studio è previsto l'accertamento delle conoscenze e competenze nella lingua inglese di livello B2.
Possono essere esonerati gli studenti in possesso di corrispondente certificazione linguistica.
Il Corso di studio può prevedere che lo studente debba colmare un deficit iniziale qualora nella prova dimostri di possedere una competenza inferiore al livello B2.
Lo studente che nella prova di accertamento delle conoscenze e competenze nella lingua inglese dimostri di possedere una competenza inferiore al livello B2 dovrà colmare il deficit iniziale sostenendo l'idoneità di lingua inglese livello B2 prima della discussione della tesi di laurea.

Verifica dell'adeguatezza della personale preparazione
L'ammissione al corso di laurea magistrale è subordinata, oltre che al possesso dei requisiti curriculari predeterminati, al superamento di una verifica dell'adeguatezza della personale preparazione che si svolgerà nei modi seguenti:
a) verifica positiva con il conseguimento della laurea con votazione pari o superiore a 90/110. Per il voto di laurea conseguito all'estero si considera il voto corrispondente indicato nella dichiarazione di valore del titolo o calcolabile attraverso tabelle di corrispondenza indicate dal Miur o dalle rappresentanze diplomatiche:
- per i laureati nelle classi di laurea L-18 e L-33 (DM 270/04);
- per i laureati nelle classi di laurea 17 e 28 (DM 509/99);
- per i laureati e diplomati del previgente ordinamento;
- per i laureati all'estero titolo di studio in discipline economico/aziendali riconosciuto idoneo e corrispondente ad una laurea di primo ciclo (di cui al punto a) requisiti curriculari e loro accertamento);
b) verifica positiva con il conseguimento della laurea con votazione pari o superiore a 90/110 per i laureati con laurea diversa dal punto 1., ossia per coloro che hanno acquisito almeno 40 cfu negli ambiti caratterizzanti come dettagliato al punto 2. requisiti curriculari e loro accertamento. Per il voto di laurea conseguito all'estero si considera il voto corrispondente indicato nella dichiarazione di valore del titolo o calcolabile attraverso tabelle di corrispondenza indicate dal Miur o dalle rappresentanze diplomatiche;
c) colloquio individuale di verifica dell'adeguatezza della personale preparazione per i laureati di cui al punto 3. requisiti curriculari e loro accertamento e per i laureati di cui ai precedenti punti a) e b) con voto di laurea inferiore a 90/110. Il colloquio sarà svolto dalla stessa Commissione di docenti nominata per la verifica dei requisiti curriculari. La Commissione fisserà un calendario per lo svolgimento dei colloqui che verrà pubblicato sul portale della Scuola (www.ems.unibo.it).
Il Consiglio di corso di studio può considerare positivamente superata la verifica dell'adeguatezza della personale preparazione solo nel caso di presentazione di istanza di opzione dai previgenti ordinamenti purché nella carriera pregressa siano stati acquisiti almeno 6 cfu.
Il Corso di Laurea Magistrale potrà prevedere per gli studenti internazionali un'apposita sessione e la nomina di una Commissione per la verifica dell'adeguatezza della personale preparazione, compatibilmente con le tempistiche previste dal bando per l'assegnazione delle borse di studio (la cui scadenza è prevista indicativamente nel mese di maggio).

Obiettivi formativi specifici del corso e descrizione del percorso formativo

Il corso consente agli studenti di conseguire una preparazione avanzata per ricoprire posizioni manageriali e direttive in imprese sociali, cooperative ed organizzazioni non profit, coniugando conoscenze necessarie alla gestione d'impresa con competenze di tipo economico e giuridico da applicare alla complessità istituzionale delle imprese ed organizzazioni del terzo settore, consentendo anche di svolgere professionalmente attività di consulenza e supporto gestionale per le imprese sociali, per le imprese cooperative e per le organizzazioni non profit. Lo sviluppo di questi precisi obiettivi è perseguito attraverso attività formative, articolate sulle principali aree di interesse, che analizzano la conoscenza degli aspetti teorici e applicativi delle tecniche di promozione, finanziamento, gestione e rendicontazione delle imprese cooperative e delle organizzazioni non profit, prevedendo specifici approfondimenti in riferimento ai settori sanitario, sociale e culturale. La formazione sulle tecniche gestionali viene fornita all'interno di un quadro teorico di riferimento più ampio, che contempla gli aspetti sociologici, etici ed economici caratterizzanti le attività del terzo settore e le peculiarità della forma organizzativa non profit.
Il raggiungimento di tali obiettivi è ottenuto attraverso un percorso didattico che prevede innanzitutto una solida preparazione di base economico-aziendale, necessaria per acquisire sia il quadro normativo di riferimento, sia i metodi di analisi e controllo di gestione e le procedure metodologiche necessarie. Tale preparazione di base viene successivamente integrata da competenze di tipo più spiccatamente professionale/consulenziale, affrontando le discipline caratterizzanti delle scienze economiche e aziendali applicate al terzo settore, al fine di impartire le conoscenze fondamentali sui principi, i metodi e gli strumenti per la promozione, il finanziamento, la gestione e la rendicontazione delle imprese sociali, cooperative e organizzazioni non profit.
Lo studente impara ad analizzare criticamente le realtà economiche del terzo settore, ed acquisisce gli strumenti per partecipare in modo consapevole alla vita di una impresa sociale, cooperativa, od organizzazione non profit. A tal fine, il piano didattico prevede, nei due anni, anche discipline di cultura più generale, che approfondiscono la formazione ricevuta negli studi precedenti, con particolare attenzione agli aspetti sociologici etici e organizzativi dell'economia sociale.
Inoltre il piano didattico prevede lo svolgimento di alcune attività formative in lingua inglese al fine di mettere in grado lo studente di conoscere e utilizzare efficacemente, in forma scritta ed orale, la lingua inglese con particolare riferimento ai lessici economico-aziendali.
Gli studenti hanno infine la possibilità, facoltativa, di impegnarsi in tirocini presso imprese enti e organizzazioni del terzo settore in vista del futuro impiego o della futura attività professionale.
Il tirocinio è una delle attività a scelta libera dello studente.

Risultati di apprendimento attesi

CONOSCENZA E CAPACITÀ DI COMPRENSIONE:

AREA DI APPRENDIMENTO: AZIENDALE E STATISTICA
Il laureato magistrale:
- conosce le modalità di funzionamento delle aziende e in particolare delle aziende non profit e delle imprese sociali;
- conosce le teorie e le modalità di coinvolgimento degli stakeholder;
- conosce le teorie e le prassi per la responsabilizzazione sociale dell'impresa, anche finalizzato alla sua certificazione etica;
- conosce ed è in grado di applicare i sistemi di programmazione e di controllo nel contesto specifico delle imprese cooperative e delle organizzazioni non profit;
- conosce ed elabora piani strategici e di marketing per il raggiungimento delle finalità istituzionali;
- conosce le modalità di reperimento e di gestione delle risorse finanziarie;
- conosce i principali metodi statistici per l’elaborazione dei dati.

Le conoscenze e capacità di comprensione sopraelencate sono conseguite tramite lezioni frontali integrate da attività di tutorato ed esercitazioni che richiedono necessariamente un personale approfondimento di studi.
La richiesta di elaborati personali fornisce allo studente ulteriori mezzi per ampliare le proprie conoscenze ed affinare la propria capacità di comprensione.
La verifica del raggiungimento dei risultati di apprendimento avviene principalmente attraverso modalità di verifica classica del colloquio orale o dell'elaborato scritto anche tramite test.

AREA DI APPRENDIMENTO: ECONOMICA E SOCIOLOGICA
ll laureato magistrale:
- conosce in modo approfondito le problematiche specifiche che caratterizzano la competitività ed il ruolo economico delle imprese cooperative e delle organizzazioni non profit all'interno del quadro economico, giuridico e sociale che caratterizza le moderne economie di mercato;
- conosce la teoria economica finalizzata alla comprensione delle strategie e modalità di funzionamento delle imprese cooperative e delle organizzazioni non profit.

Le conoscenze e capacità di comprensione sopraelencate sono conseguite tramite lezioni frontali integrate da attività di tutorato ed esercitazioni che richiedono necessariamente un personale approfondimento di studi.
La richiesta di elaborati personali fornisce allo studente ulteriori mezzi per ampliare le proprie conoscenze ed affinare la propria capacità di comprensione.
La verifica del raggiungimento dei risultati di apprendimento avviene principalmente attraverso modalità di verifica classica del colloquio orale o dell'elaborato scritto anche tramite test.

AREA DI APPRENDIMENTO: GIURIDICA
Il laureato magistrale:
- conosce i presupposti giuridici fondamentali della cooperazione, della mutualità e dell'utilità sociale;
- conosce i modelli organizzativi e le norme fondamentali per la costituzione e la regolametazione dei soggetti e delle organizzazioni non profit;
- conosce gli strumenti giuridici per lo svolgimento delle attività non lucrative e sociali;
- conosce le norme che regolano i rapporti dei soggetti non profit con gli enti e le istituzioni pubbliche.

Le conoscenze e capacità di comprensione sopraelencate sono conseguite tramite lezioni frontali integrate da attività di tutorato ed esercitazioni che richiedono necessariamente un personale approfondimento di studi.
La richiesta di elaborati personali fornisce allo studente ulteriori mezzi per ampliare le proprie conoscenze ed affinare la propria capacità di comprensione.
La verifica del raggiungimento dei risultati di apprendimento avviene principalmente attraverso modalità di verifica classica del colloquio orale o dell'elaborato scritto anche tramite test.


CAPACITÀ DI APPLICARE CONOSCENZA E COMPRENSIONE:

AREA DI APPRENDIMENTO: AZIENDALE E STATISTICA
Il laureato magistrale:
- è in grado di gestire questioni legate a problemi organizzativi sia in ambito di impresa sociale sia in ambito di organizzazioni non profit;
- è in grado di gestire gli aspetti peculiari legati al management strategico delle organizzazioni non profit e delle imprese sociali;
- sa redigere e gestire un progetto imprenditoriale, un piano commerciale, un progetto di interesse pubblico.

Il raggiungimento delle sopraelencate capacità di applicazione delle conoscenze avviene tramite l'impostazione didattica comune a tutti gli insegnamenti che prevedono la formazione teorica accompagnata da esempi, applicazioni, verifiche e lavori individuali o di gruppo che sollecitino la partecipazione attiva, l'attitudine propositiva, la capacità di elaborazione autonoma e di comunicazione dei risultati del lavoro svolto. La parte di approfondimento ed elaborazione delle conoscenze demandata allo studio personale dello studente assume, a questo proposito, una rilevanza notevole. È infatti tramite una congrua rielaborazione personale delle informazioni acquisite durante le ore di lezione e di eventuale tirocinio (indicato tra le attività formative a scelta libera dello studente) che lo studente misura concretamente quale sia il livello di padronanza delle conoscenze.
Accanto allo studio personale, sono utili anche le attività di laboratorio in gruppo e le esercitazioni svolte in aula, previste soprattutto nell'ambito dell'insegnamento di statistica e degli insegnamenti di area aziendale.
Le verifiche del raggiungimento dei risultati di apprendimento avvengono principalmente attraverso esami scritti, orali, relazioni, esercitazioni, attività di problem solving e prevedono lo svolgimento di specifici compiti, in cui lo studente dimostra la padronanza di strumenti, metodologie e autonomia critica. Nelle attività di tirocinio (indicata tra le attività formative a scelta libera dello studente)la verifica avviene tramite la presentazione di una relazione da parte dello studente e del tutor aziendale.

AREA DI APPRENDIMENTO: ECONOMICA E SOCIOLOGICA
il laureato magistrale è in grado di:
analizzare i contesti di mercato all'interno dei quali si realizza l'azione delle imprese cooperative e delle organizzazioni non profit e valutare le relative opportunità di sviluppo; progettare efficaci forme di interazione con le istituzioni pubbliche, a partire dall'identificazione degli obiettivi che muovono il decisore pubblico e dalle politiche di regolamentazione attuate nei settori di attività delle imprese cooperative e delle organizzazioni non profit.
proporre efficaci forme di innovazione organizzativa per l'assetto delle imprese cooperative e delle organizzazioni non profit.
Il raggiungimento delle sopraelencate capacità di applicazione delle conoscenze avviene tramite un'impostazione didattica che prevede l’affiancamento della formazione teorica con esempi, applicazioni, verifiche e lavori individuali o di gruppo che sollecitino la partecipazione attiva, l'attitudine propositiva, la capacità di elaborazione autonoma e di comunicazione dei risultati del lavoro svolto.
La parte di approfondimento ed elaborazione delle conoscenze demandata allo studio personale dello studente assume, a questo proposito, una rilevanza notevole. È infatti tramite una congrua rielaborazione personale delle informazioni acquisite che lo studente misura concretamente quale sia il livello di padronanza delle conoscenze.

Le verifiche del raggiungimento dei risultati di apprendimento avvengono principalmente attraverso esami scritti, orali, relazioni, esercitazioni, attività di problem solving e prevedono lo svolgimento di specifici compiti, in cui lo studente dimostra la padronanza di strumenti, metodologie e autonomia critica.

AREA DI APPRENDIMENTO: GIURIDICA
Il laureato magistrale:
- E' in grado di prestare consulenza nello svolgimento dell'attività e nella regolamentazione dei rapporti che coinvolgono i soggetti non profit;
- E' in grado di prestare consulenza nella redazione degli atti costitutivi e degli statuti delle organizzazioni non profit;
- E' in grado di partecipare alla redazione ed alla stesura dei contratti e degli atti necessari per lo svolgimento delle attività non lucrative.

Il raggiungimento delle sopraelencate capacità di applicazione delle conoscenze avviene tramite un'impostazione didattica che prevede l’affiancamento della formazione teorica con esempi, applicazioni, verifiche e lavori individuali o di gruppo che sollecitino la partecipazione attiva, l'attitudine propositiva, la capacità di elaborazione autonoma e di comunicazione dei risultati del lavoro svolto.
La parte di approfondimento ed elaborazione delle conoscenze demandata allo studio personale dello studente assume, a questo proposito, una rilevanza notevole. È infatti tramite una congrua rielaborazione personale delle informazioni acquisite che lo studente misura concretamente quale sia il livello di padronanza delle conoscenze.
Le verifiche del raggiungimento dei risultati di apprendimento avvengono principalmente attraverso esami scritti, orali, relazioni, esercitazioni, attività di problem solving e prevedono lo svolgimento di specifici compiti, in cui lo studente dimostra la padronanza di strumenti, metodologie e autonomia critica.


AUTONOMIA DI GIUDIZIO (MAKING JUDGEMENTS)

Il laureato magistrale:
- conosce ed è in grado di valutare le problematiche attinenti il reclutamento, la gestione, l'incentivazione e la valutazione del personale, con particolare riguardo al personale volontario;
- è capace di interpretare le dinamiche finanziarie identificando gli opportuni criteri di gestione delle imprese, ed in particolare delle cooperative e delle organizzazioni non profit;
- conosce pregi, limiti e peculiarità delle forme di credito e investimento che coniugano il rendimento con finalità di sviluppo sociale (microcredito, fondi etici);
- conosce il problematico rapporto tra etica ed economia, ed è in grado di valutare i dilemmi morali e sociali tipici dell'attività economica, in particolare di imprese e organizzazioni operanti nel terzo settore.

L'autonomia di giudizio viene sviluppata in particolare tramite esercitazioni, seminari organizzati, preparazione di elaborati soprattutto nell'ambito economico aziendale, inoltre in occasione dell'attività di stage, tirocinio (indicato tra le attività formative a scelta libera dello studente) e nel confronto delle realtà delle organizzazioni non profit, e tramite l'attività assegnata dal docente relatore per la preparazione della prova finale. Gli strumenti didattici privilegiati sono i progetti individuali e di gruppo e lo svolgimento di un significativo lavoro di tesi su un argomento di ricerca.
Le attività di esercitazione, nonché gli elaborati personali, in particolare la dissertazione prevista per la prova finale offrono allo studente le occasioni per sviluppare in modo autonomo le capacità decisionali e di giudizio, nonché di dimostrare capacità critica e di elaborazione di elementi di originalità.
La verifica dell'acquisizione dell'autonomia di giudizio avviene tramite la valutazione del grado di autonomia e capacità di lavorare, anche in gruppo, durante l'attività assegnata in preparazione della prova finale e in occasione dell'eventuale tirocinio scelto dallo studente.
In alcune attività formative e nella preparazione della prova finale, viene dato spazio a forme didattiche di lavoro a progetto e seminariale in cui gli studenti sono chiamati a valutare reciprocamente in modo costruttivo il lavoro svolto. Le forme di verifica consistono nell'elaborazione di saggi, la realizzazione di presentazioni orali e la verifica della capacità di intervenire in modo costruttivo in contesti seminariali.


ABILITÀ COMUNICATIVE (COMMUNICATION SKILLS)

Il laureato magistrale:
- è in grado di promuovere iniziative di sviluppo locale mediante forme di marketing territoriale;
- sa relazionare sinteticamente e criticamente su un tema afferente alle materie facenti parte del piano degli studi a interlocutori specialisti e non specialisti;
- conosce ed utilizza efficacemente in forma scritta ed orale la lingua inglese con riferimento al lessico economico-aziendale;
- è in grado di utilizzare i modelli economici per argomentare le proprie analisi con rigore metodologico.

Le abilità comunicative scritte ed orali sono particolarmente sviluppate in occasione di seminari, esercitazioni, attività formative che prevedono anche la preparazione di relazioni e documenti scritti, l'esposizione orale dei medesimi e la prova finale.
Le abilità comunicative linguistiche, scritte e orali, sono sviluppate principalmente nello svolgimento di attività formative e relativa verifica in lingua inglese.
La prova finale consiste nella preparazione di una dissertazione scritta, sviluppata dal candidato sotto la supervisione di un docente, e della sua successiva discussione pubblica. La dissertazione dovrà dimostrare capacità critica e contenere elementi di originalità.
Per il raggiungimento delle abilità comunicative sono previste ampie modalità di verifica, inclusi colloqui, preparazione di elaborati scritti, discussione dei progetti, anche mediante l'ausilio di strumenti multimediali e dimostrazioni al computer, seminari su argomenti avanzati.
Nelle attività di esercitazione in aula, gli studenti sono incoraggiati ad intervenire pubblicamente per migliorare la propria capacità di descrivere in modo chiaro e comprensibile eventuali dubbi e/o richieste di chiarimento su argomenti specifici.
L'acquisizione delle abilità comunicative sopraelencate è prevista inoltre tramite la redazione della prova finale che offre allo studente un'ulteriore opportunità di approfondimento e di verifica delle capacità di analisi, elaborazione e comunicazione del lavoro svolto; in occasione dello svolgimento del tirocinio-stage (indicato tra le attività formative a scelta libera dello studente) e della corrispondente relazione conclusiva.
La prova finale prevede, infatti, la discussione davanti ad una commissione di una dissertazione riguardante argomenti relativi al percorso di studio effettuato.


CAPACITÀ DI APPRENDIMENTO (LEARNING SKILLS)

Il laureato magistrale:
- conosce le principali fonti di dati e ricerche inerenti le materie di studio ed è in grado di utilizzare gli strumenti di analisi e di applicare i metodi di apprendimento sviluppati per approfondire e aggiornare in autonomia le proprie conoscenze;
- è in grado di valutare autonomamente gli strumenti e i percorsi di formazione adeguati per lo sviluppo delle proprie conoscenze culturali e specialistiche e delle proprie competenze professionali;
- sa aggiornarsi su metodi, tecniche e strumenti nel campo dell'economia sociale e del terzo settore, rivolti alla gestione ottimale di imprese, organizzazioni e singoli progetti;
- possiede le necessarie capacità di apprendimento per intraprendere, con un alto grado di autonomia, studi di livello superiore (Dottorato di Ricerca o Master Universitario di II livello), nonché per aggiornare e migliorare in modo continuo le proprie competenze, come richiesto attualmente nel mondo professionale.

Le capacità di apprendimento sono conseguite nel percorso di studio nel suo complesso, con riguardo in particolare allo studio individuale previsto e alla preparazione di progetti individuali. Inoltre tali capacità sono anche sviluppate nella preparazione della prova finale.
Al raggiungimento di tali obiettivi concorrono inoltre tutte le attività autonome (cioè senza la guida del docente) previste nell'arco dei due anni di formazione, e cioè progetti individuali e di gruppo e lo svolgimento della prova finale, mediante una frequente analisi, attraverso il tutoraggio e l'insieme degli strumenti di verifica, dei progressi ottenuti.
La capacità di apprendimento viene valutata attraverso forme di verifica che richiedono la presentazione di dati reperiti autonomamente, mediante lo svolgimento di progetti e la valutazione della capacità di auto-apprendimento maturata durante lo svolgimento dell'attività relativa alla prova finale, di confronto seminariale e correzione degli elaborati.

Insegnamenti

Gli insegnamenti sono articolati a seconda del curriculum scelto

Attività tirocinio

Lo studente può svolgere un'attività di tirocinio scegliendo 6 cfu oppure 12 cfu fra le attività a scelta dello studente previste nel piano di studi. Il tirocinio potrà essere svolto presso un'impresa, un istituto di credito, uno studio commerciale, un ente pubblico o un'organizzazione non profit in Italia o anche all'estero. L'ente ospitante potrà essere scelto direttamente dallo studente su suggerimento dei docenti oppure individuato dall'Ufficio Tirocini e Placement del Campus di Forlì. Il tirocinio rappresenta un'importante possibilità di confronto con il mondo del lavoro. Per gli studenti lavoratori o per coloro che hanno svolto il servizio civile vi è la possibilità di richiedere l'equiparazione dell'attività al tirocinio.

Presidente della Commissione Tirocini:

Prof. Riccardo Silvi, Scuola di Economia, Management e Statistica - sede di Forlì, p.le della Vittoria, 15 – 47121 Forlì, tel.0543/374629, riccardo.silvi@unibo.it

Ufficio Tirocini e Placement

Attività extra curriculari

Si organizzano annualmente incontri dedicati ai temi del nonprofit e dell'economia civile, nello specifico la Scuola programma e coordina attività convegnistica, cicli di conferenze, cineforum, incontri di approfondimento culturale tra docenti stranieri (e italiani) e studenti, gruppi di studio e workshop.

Mobilità internazionale

La Scuola offre ai propri studenti numerose possibilità di svolgere un periodo di formazione all'estero:

- mediante il programma Erasmus + per studio gli studenti possono trascorrere un periododi studio all'estero, tra i 3 e i 12 mesi, presso le Università convenzionate di tutta Europa;

- il programma Erasmus + per tirocinio offre agli studenti opportunità di tirocinio presso imprese, centri di formazione e di ricerca europei, per un di 3 mesi;

- il programma Overseas promuove la mobilità studentesca in ambito extra europeo e consente di trascorrere un periodo di studio presso università straniere;

- gli accordi di doppio diploma con l'ICN Business School (Nancy - Francia), la Neoma Business School (Reims - Francia) e l'Università di Valencia (Spagna) consentono agli studenti dei corsi di Laurea Magistraledi svolgere il secondo anno del proprio corso di studio presso l'università partner, conseguendo almeno 60 cfu, e acquisendo alla fine del proprio percorso sia la laurea magistrale della Scuola di appartenenza, sia il diplomade ll'Università partner;

- la Scuola eroga anche borse di studio per tesi all'estero per studenti meritevoli per lo svolgimento o approfondimento della tesi;

- gli studenti e i laureati hanno inoltre la possibilità di svolgere un periodo di tirocinio curriculare all'estero.

Referente per la mobilità studentesca internazionale;

Prof. Mauro Carboni: mauro.carboni@unibo.it

Servizio Relazioni Internazionali

Prova finale

La prova finale per il conseguimento della laurea magistrale consiste nella preparazione di una tesi scritta, sviluppata dal candidato sotto la supervisione di un docente relatore, e della sua successiva discussione pubblica. La dissertazione dovrà dimostrare capacità di critica e contenere elementi di originalità.

Accesso a ulteriori studi

Dà accesso agli studi di terzo ciclo (Dottorato di ricerca e Scuola di specializzazione) e master universitario di secondo livello.

Sbocchi occupazionali

PROFILO PROFESSIONALE:
Quadro, dirigente, consulente, per imprese sociali, cooperative, organizzazioni non profit e pubbliche amministrazioni

FUNZIONE IN UN CONTESTO DI LAVORO:
Figura di riferimento per l'organizzazione, collabora a definire il posizionamento e le linee di sviluppo sul piano strategico e coordina le risorse con criteri di efficienza ed efficacia.
- collabora alla definizione delle strategie, obiettivi e programmi operativi per realizzare la missione dell'impresa, utilizzando i sistemi di controllo necessari al rispetto degli obiettivi economico-finanziari;
- presiede la redazione del bilancio, bilancio sociale e di missione;
- definisce il budget di previsione;
- presiede alla definizione degli obiettivi di responsabilità sociale d'impresa e segue le eventuali attività di certificazione;
- è responsabile della rendicontazione sociale;
- valuta la fattibilità della partecipazione a specifici bandi e l'opportunità di attivare linee di finanziamento;
- gestisce, organizza e coordina le risorse umane, ne pianifica l'attività e definisce i sistemi di controllo e di verifica dei risultati. Promuove inoltre lo sviluppo dei gruppi di lavoro, per migliorarne la produttività;
- prepara il business plan per lo sviluppo di nuove iniziative o rami di impresa.
Per lo svolgimento delle funzioni sopra descritte sono richieste specifiche conoscenze, capacità e abilità di tipo specialistico in ambito economico.
Può essere necessaria una maggiore specializzazione e capacità di approfondimento in uno o più settori di professionalizzazione.
Oltre a capacità di auto-apprendimento e di aggiornamento continuo.

COMPETENZE ASSOCIATE ALLA FUNZIONE:
Per lo svolgimento delle funzioni sopra descritte sono richieste adeguate competenze trasversali di tipo:
- comunicativo relazionale;
- organizzativo gestionale;
- di programmazione e controllo.
In accordo con il livello di autonomia e responsabilità assegnato, con le modalità organizzative e di lavoro adottate e con i principali interlocutori (colleghi, altri professionisti e clienti pubblici e/o privati).

SBOCCHI OCCUPAZIONALI:
- imprese cooperative ed imprese sociali;
- ONLUS;
- ONG (in Italia ed all’estero);
- Fondazioni;
- pubbliche amministrazioni (settore sociale, culturale, sanitario, ambientale);
- imprese e enti privati nel settore della responsabilità sociale d'impresa.


PROFILO PROFESSIONALE:
Fundraiser, Esperto in Marketing e comunicazione sociale

FUNZIONE IN UN CONTESTO DI LAVORO:
Ruolo chiave per organizzazioni private ed enti pubblici che intendano proporre progetti di sviluppo sociale e culturale, individua le adeguate fonti di finanziamento e sostegno curando i rapporti con donatori, sponsor e stakeholder:
- effettua piani di marketing per individuare gli spazi di sviluppo dell'impresa;
- predispone progetti di reperimento di risorse umane e finanziarie (fund raising e people raising) adeguati alle caratteristiche specifiche del settore a cui appartengono le imprese e le ONP;
- definisce e collabora all'elaborazione del "documento di buona causa" da sottoporre ai soggetti a cui verrà chiesto di sostenere l'organizzazione;
- individua e mantiene i rapporti con i donatori, selezionati tra imprese, persone fisiche, enti pubblici (locali, nazionali, internazionali) e fondazioni bancarie;
- individua le tecniche più adatte per il raggiungimento degli obiettivi di finanziamento (sponsorizzazione sociale, Cause Related Marketing);
- coordina le fasi di pianificazione, realizzazione e monitoraggio degli interventi di marketing e di fundraising.

COMPETENZE ASSOCIATE ALLA FUNZIONE:
Per lo svolgimento delle funzioni sopra descritte sono richieste adeguate competenze trasversali di tipo:
- comunicativo relazionale;
- organizzativo gestionale;
- di programmazione e controllo.
In accordo con il livello di autonomia e responsabilità assegnato, con le modalità organizzative e di lavoro adottate e con i principali interlocutori (colleghi, altri professionisti e clienti pubblici e/o privati).

SBOCCHI OCCUPAZIONALI:
Come consulente o dipendente presso:
- Associazioni riconosciute e non riconosciute;
- ONLUS;
- ONG (in Italia ed all’estero);
- Fondazioni;
- pubbliche amministrazioni (settore sociale, culturale, sanitario, ambientale);
- imprese cooperative e sociali.


PROFILO PROFESSIONALE:
Curatore dell’avvio di nuove imprese sociali, come consulente o imprenditore

FUNZIONE IN UN CONTESTO DI LAVORO:
Il profilo in questione sviluppa una start up o svolge il ruolo di imprenditore all’interno di una impresa sociale. Del pari il profilo puo’ essere quello di consulente a supporto dell’imprenditore o della direzione dell’impresa sociale e cooperativa.
- effettua piani di marketing per individuare gli spazi di sviluppo dell'impresa;
- prepara il business plan per lo sviluppo di nuove imprese e/o iniziative.
- definisce il budget di previsione;
- individua le modalità più adatte per il reperimento delle risorse finanziare;
- valuta, analizza e seleziona iniziative imprenditoriali, definendone i fabbisogni
finanziari e le relazioni con il mercato dei capitali;
- analizza le performance economico-finanziarie e le strutture di costo delle imprese sociali;
- offre consulenze nell'area dell'innovazione sociale.

COMPETENZE ASSOCIATE ALLA FUNZIONE:
Per lo svolgimento delle funzioni sopra descritte sono richieste adeguate competenze trasversali di tipo:
- comunicativo relazionale;
- organizzativo gestionale;
- di programmazione e controllo.
In accordo con il livello di autonomia e responsabilità assegnato, con le modalità organizzative e di lavoro adottate e con i principali interlocutori (colleghi, altri professionisti e clienti pubblici e/o privati).

SBOCCHI OCCUPAZIONALI:
- avvio e start up di nuove imprese sociali e cooperative;
- consulenza in ambito di nuove imprese;
- società di Venture capital sociale e settore del microcredito.


Parere delle parti sociali

Per visionare le consultazioni con le parti sociali che il Corso di Studio ha effettuato dall' a.a. di prima istituzione sino ad oggi, si rimanda alla lettura dei rispettivi quadri nelle schede complete SUA-CdS, pubblicate sul sito Universitaly ( http://www.universitaly.it/)



Ulteriori informazioni

L'accordo di Doppio Diploma con l'Università di Valencia (Spagna) è in corso di rinnovo.

Contatti e recapiti utili

- Per informazioni sull'offerta formativa, sulle modalità di accesso, orari delle lezioni, calendari esami, sedute di laurea contatta la Segreteria didattica tel. 0543 374673 ems.fo.studenti@unibo.it

- Per informazioni sulle modalità di immatricolazione, tasse, sospensione, interruzione, decadenza, rinuncia, trasferimenti, passaggi, certificati, diploma supplement contatta la Segreteria studenti tel. 0543 374809 segforli@unibo.it

- Per informazioni sul tirocinio contatta il Ufficio Tirocini e Placement - Campus Forlì tel.0543 374135 accf.forli.tirociniplacement@unibo.it

- Per informazioni sulle opportunità all'estero contatta il Servizio relazioni internazionali tel. 0543 374671/27 ems.fo.international@unibo.it